Entries tagged with “Reggio Emilia”.


da Croce Nera Anarchica

 

Reggio Emilia: ALF libera 1000 lepri da allevamento

 

images (1)

Il 16 dicembre 2015 è giunta al quotidiano bolognese Il Resto del Carlino una lettera di rivendicazione dell’ ALF dell’azione di liberazione di 1000 lepri nell’allevamento Casa Boschi di Canossa (RE):animali allevati per essere destinati al “ripopolamento faunistico” per l’attività venatoriarivendicazione-liberazione-lepri-2015

(altro…)

dalla trasmissione di Radio Blackout Liberation Front

Nella trasmissione di martedì 3 marzo, abbiamo ceduto i microfoni a due compagn* del collettivo antipsichiatrico Francesco Mastrogiovanni. Il 31 marzo prossimo dovrebbe segnare la data di dismissione dei sei ospedali psichiatrici gudiziari presenti sul territorio italiano: gli OPG, ovvero i manicomi criminali.
Dovrebbe.
Un po’ di storia passata e ipotesi sul loro futuro, di chi vi è recluso e di come dovrebbe “evolversi” la situazione per chi dovrà passare attraverso le ipotetiche  REMS (Residenze per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza).
Gabbie nelle gabbie, contenzione fisica sempre più connessa al restyling riformista in versione farmacologica.
Gabbie, sempre, comunque. Anche senza sbarre e magari senza cinghie.
Qui i files audio dell’estratto della puntata:

CORTEO SABATO 28 MARZO a REGGIO EMILIA reggio-emilia-corteo
CHIUDIAMO TUTTI I MANICOMI!
LIBERIAMOCI DALLA PSICHIATRIA!
NO OPG, NO REMS, NO PSICHIATRIA!
Esistono muri, a volte invisibili, che dividono la normalità dalla “follia”. Sono costruiti dal potere e rafforzati dal deserto che si trova al loro esterno.
La presunta, prorogata ormai da 4 anni, chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG) lascerà spazio all’istituzione delle Residenze per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza (REMS). Cambia il nome, gli internati sono deportati, gli appalti assegnati e lo slancio riformista soddisfatto. Ma le nuove strutture conservano la medesima attitudine repressiva e il concetto stesso di manicomialità, perpetuandone lo stigma. Lungi dal rappresentare un indebolimento della detenzione senza fine e della psichiatria, ne sono la continuazione aggiornata, calibrata su modelli detentivi improntati a esternalizzazione e privatizzazione, come avvenuto per i CIE. (Centri di Identificazine ed Espulsione)

(altro…)