Entries tagged with “nocività”.


incendio
Sabotaggio di un’eolica, atto 3
La Montage Noire

Immagino malizioso lo stupore di una escursionista o di un cacciatore che, alle prime luci del giorno, scoprirà lo spettacolo di un palo pallido senza pala. È che il sentiero della Grand Randonnée n. 7 passa di qua, per la più grande gioia, dicono gli investitori, di questo tipo particolare di persona alienata che chiamiamo turista. Non ho dubbi che, davanti ad un aerogeneratore, quest’ultimo tiri fuori il suo Smartphone per fotografare la macchina, senza occuparsi della fauna, per poi condividerla, grazie 4G!, con i suoi falsi amici connessi. (altro…)

In vista di una giornata contro le nocività che si terrà a Lecce sabato 12 dicembre 2015, abbiamo parlato in diretta telefonica all’interno della trasmissione “La terra trama..” con una compagna del posto.

Le questioni affrontate sono state le varie manifestazioni nocive del sistema nel territorio, Xylella, TAP, TAV etc, e le modalità di portare avanti la lotta al dominio e allo stesso tempo la solidarietà ai/alle compagnx sotto processo o in carcere.

Qui si puo’ ascoltare l’audio della diretta

 

oppure scaricalo qui Lecce_giornatanocività_LTT_6dicembre2015

pic2-2INCONTRO SOLIDALE IN VISTA DEL PROCESSO A BILLY SILVIA COSTA
RIPRENDIAMO LE OSTILITA’ ALLE TECNO-SCIENZE

Lanciamo un momento solidale in vista del processo che si svolgerà a Torino il 13 Gennaio. Billy Silvia e Costa sono accusati di possesso, trasporto e ricettazione di esplosivo, e per il tentativo di attacco al centro di ricerche nanotecnologiche IBM a Zurigo. Questo si collega al 15 Aprile 2010 quando vennero fermati e arrestati dalla polizia elvetica che, perquisendo la loro auto, aveva trovato materiali esplosivi e incendiari e dei volantini che rivendicavano un imminente attacco esplosivo a firma “Earth Liberation Front Switzerland” (Fronte di liberazione della Terra) contro il centro di ricerche all’epoca in fase di realizzazione.
Processati, erano stati condannati a pene detentive dai 3 anni e 4 mesi ai 3 anni e 8 mesi.
Nel mentre la procura di Torino aveva aperto un’indagine anche nel tentativo di imbastire  un’associazione sovversiva tra numerose situazioni impegnate in lotte ecologiste ed anarchiche e che avevano creato una rete solidale attorno a Billy, Silvia e Costa. Di fatto questo tentativo, caduto dopo anni, è servito per un forte monitoraggio e controllo di queste situazioni.
Vorremmo partire dal senso che è stato espresso dalla solidarietà negli anni della carcerazione in Svizzera, per riportare nuovamente un’attenzione verso gli sviluppi delle tecno-scienze e sulla necessità di opporvisi. Su quel percorso, che non è iniziato in Svizzera e che non si è mai interrotto,   ci piacerebbe incontrare altri pensieri per costruire progettualità comuni, per non fermarsi sul  momento repressivo, ma trasformarlo in nuove possibilità di critica e lotta.

DOMENICA 29 NOVEMBRE
ORE 17 PRESSO RADIO BLACKOUT, VIA ANTONIO CECCHI 21/A
TORINO

APPELLO PER UNA SETTIMANA DI MOBILITAZIONE CONTRO LE BIOTECNOLOGIE

Dal 12 al 18 ottobre si terrà la European Biotech Week, una settimana in cui sono previsti oltre 100 eventi in tutta Europa – di cui 47 solo in Italia, il Paese con il maggior numero di iniziative – di promozione delle biotecnologie. In città come Roma, Milano, Padova, Torino, Bologna, Teramo, Napoli, Varese, Pisa, Lodi, Brescia, Siena, Firenze, Campobasso, Bari, Catania, Palermo, Pavia si terranno dibattiti, laboratori, porte aperte, premi, mostre e spettacoli per avvicinare il grande pubblico alle biotecnologie nei loro diversi settori di applicazione e fagli credere che queste porteranno a un miglioramento futuro della qualità delle nostre vite e del pianeta.

Fra le iniziative della settimana vi saranno il convegno alla Presidenza del Consiglio dei Ministri sulle nuove biotecnologie per gli alimenti e la salute a Roma,  il convegno di Bologna sulle biotecnologie industriali, quello a Collereto Giacosa (TO) sulle tecnologie convergenti in ambito farmaceutico con l’interazione tra biotecnologie, nanotecnologie, scienze cognitive e informatica. E ancora un incontro su “biotecnologie ed animali” nella facoltà di Fisiologia dell’università di Bologna, un convegno sulle politiche per le biotecnologie nel settore agroalimentare e un ridicolo “Aperitivo Biotech” al Museo della Scienza e Tecnologia di Milano, in cui “le famiglie avranno l’opportunità di creare uno spuntino biotech nel laboratorio di biotecnologia e scoprire quanti alimenti biotecnologici sono già sulle nostre tavole”.

Per scaricare il programma completo: sito Assobiotech

(altro…)

Traduzione da http://es.contrainfo.espiv.net

Calcidica: Manifestazione contro la repressione il 27 di settembre a Poligiros

A proposito dell’arresto dei due compagni Andrea ed Errol:

Domenica 23 agosto si è tenuta nella città di Skouries, nella penisola calcidica, una marcia contro le miniere d’oro, nell’ambito del primo accampamento “Al di fuori dell’Europa” (Piattaforma antiautoritaria contro il capitalismo). Nel suo tentativo di avvicinarsi ai lavori della società “Oro greco”, i/le manifestanti si sono scontratx con la polizia a guardia della struttura, che hanno risposto con il lancio di grandi quantità di lacrimogeni, spingendo la gente verso i veicoli con cui avevano raggiunto il luogo. E’ lì che i poliziotti hanno catturato l’ultimo autobus e hanno arrestato le 78 persone che erano all’interno. In seguito i fermi sono diventati arresti con l’accusa di sommossa, che poi si è tramutata in accusa di disturbo della quiete pubblica. Dopo alcune ore, 74 manifestanti sono stati liberati, mentre gli/le altrx quattro sono rimastx in stato d’arresto perché si sono rifiutatx di fornire i propri dati personali e le impronte digitali. (altro…)

1-01_1Traduzione da http://actforfree.nostate.net/?p=21174

Compagni anarchici lanciano un appello per una manifestazione anti-stato a Polygyros, in Calcidica per domenica 27 settembre

L’appuntamento è per le 11:00 nella piazza centrale di Polygyros (Piazza degli Eroi)
Un autobus partirà per Polygyros da Salonicco, arco di Kamara, alle 9 del mattino.
Per le prenotazioni si prega di chiamare 6983389259 fino a venerdì 25/9

Assemblea di Salonicco in solidarietà con gli anarchici Andrea ed Errol
Manifesti anarchici per l’appello di solidarietà:

NdR: per un riepilogo della situazione di Andrea ed Errol leggere qui e qui

erol-andreaskonet-01poligirios

 

da Croce Nera Anarchica Selva11

Segnaliamo l’uscita di un nuovo progetto editoriale focalizzato su alcuni gruppi che praticano l’azione diretta, con una prospettiva anti-civilizzatrice ed anti-tecnologica, in Messico, quali ITS e RS .Di seguito il testo introduttivo delle edizioni Selva ed il pdf dell’opuscolo.

………………………………………………………………………..

E’ disponibile SELVA -⁠ nr. 1
Raccolta di testi e comunicati dalla guerra contro tecnologia, progresso e civilizzazione in Messico

(altro…)

cyberfaceTda http://www.resistenzealnanomondo.org

80 minuti
Produzione francese del 2012 oggi tradotto in italiano.
Un ampio spaccato su dove sta portando la convergenza delle scienze in una società dalle macchine onnipresenti:  interviste a filosofi,  a critici e soprattutto ai maggiori fautori e sostenitori di queste tecno scienze. Non si parla di un ipotetico futuro da “migliorare” e manipolare ma di un presente dove questo è già una realtà.

Con la convergenza di nanotecnologie, biotecnologie, informatica, neuroscienze, avviene un salto epocale: ambiti prima separati ora si fondono e si intersecano. La convergenza capitanata dalle nanotecnologie modifica le relazioni, trasforma e plasma la percezione del mondo circostante, del nostro corpo. Interiorizziamo la logica che sottende queste tecnologie e l’idea di mondo che si sta costruendo. Il potere non è mai stato così pervasivo e totalizzante, entrando a un livello ancora più profondo. Un mondo atomizzato, dove il vivente è considerato mera materia da scomporre, modificare e plasmare per le molteplici necessità di questo sistema. (altro…)

da http://www.resistenzealnanomondo.org

 

100 anni di guerra chimica:
“La BAYER continua a rifiutarsi di assumere le proprie responsabilità”

Il 22 aprile scorso cadeva il 100° anniversario della prima utilizzazione bellica di gas tossico. Nella primavera del 1915 la compagnia BAYER fornì circa 700 tonnellate di sostanze chimiche alle truppe al fronte. Sul campo di battaglia di Ypres in Belgio furono usate per la prima volta circa 170 tonnellate di gas di cloro. Si formò una nuvola di gas larga 6 chilometri e profonda dai 600 ai 900 metri che si diresse verso le truppe francesi. Questo attacco causò circa 1000 morti e 4000 feriti gravi. Altri attacchi di gas tossico, contro i soldati inglesi, seguirono nei giorni 1, 6, 10 e 24 maggio.

(altro…)

da http://www.resistenzealnanomondo.org

VOLANTINO-SABATO

Volantino distribuito il 23 maggio

Il 23 maggio, da due anni a questa parte, è il giorno in cui ONG di tutto il mondo e movimenti di base si danno appuntamento in svariate città in ogni continente, per dare vita a cortei e marce contro la multinazionale Monsanto. Una giornata che di per sè non offre chiaramente chissà quli spunti di critica o momenti di lotta al di là di qualche slogan, considerate le organizzazzioni ultra-reformiste e para-istituzionali che si muovono dietro quest’appuntamento e le rivendicazioni ed argomentazioni del tutto parziali portate avanti contro la manipolazione genetica (e in alcuni casi sul filo del ridicolo, come un volantino girato in a Berna a chiamata del corteo che chiedeva ulteriori sperimentazioni di OGM in campo aperto così da poter dimostrare o meno la loro nocività).
In Svizzera, consce di questo limite, diverse persone hanno comunque deciso di attivarsi, cogliendo la giornata come una buona occasione per parlare del campo di colture OGM sperimentale presso Zurigo, rilanciare una mobilitazione e contribuire alla giornata con contenuti di critica radicale, e critiche anche verso quegli stessi ambientalisti che, muovendosi attraverso moratorie ed iter democratici, hanno difatto sdoganato lo sviluppo e la ricerca scientifica in campo aperto di alimenti geneticamente ingegnerizzati
.
Oltre a partecipare ai vari cortei e presidi che si sono svolti a Lugano, Basilea, Berna e Morges (dove ha sede in Svizzera la Monsanto) volantinando e distribuendo l’opuscolo “Il campo del controllo”, nei giorni precedenti il corteo ignoti attivisti hanno ripetutamente rovinato la facciata della sede di Monsanto e Dupont con scritte e vernice.

Di seguito il volantino distribuito durante i cortei nella giornata del 23: