Entries tagged with “Michele”.


da Croce Nera Anarchica

Venerdì 30 ottobre è stato liberato dalla sezione di alta sorveglianza del carcere di Ferrara Michele Fabiani, in fine pena per la condanna  ad 1 anno e 4 mesi(residuo di pena della condanna in cassazione a 3 anni e 2 mesi per 270 bis) per la cosiddetta operazione Brushwood del 2007.

 

 

 

volantino-ferrara-copia_543x768Mobilitazione sotto il carcere di Ferrara

Contro il carcere come istituzione repressiva e come modello sociale. Solidarietà a tutte le compagne e i compagni arrestati

Da sempre il carcere è stato per il potere un vero e proprio laboratorio in cui creare e sperimentare modelli di controllo sociale. Scuole, fabbriche e ospedali hanno come loro paradigma architettonico e disciplinare il carcere. L’intento è sempre stato quello di accumulare corpi, prerogativa indispensabile per accumulare capitale. Ciò comporta un controllo e una repressione esercitati costantemente a vari livelli e che si è evoluta nel tempo. Tra le ultime evoluzioni della tecnologia coercitiva possiamo ricordare la riforma per la differenziazione carceraria, di cui la regione Emilia Romagna ne è promotrice, e l’estensione della 41bis anche a condannati politici. Da una parte si crea una pericolosa “zoologia del delinquente” in cui incasellare quella parte della popolazione non compatibile alla “norma”, ritenuta più importante dell’individuo. Dall’altra si ha un’intensificazione della repressione di tutte le reali forze di cambiamento sociale che si battono contro lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e sul pianeta. Se il carcere criminalizzava la lotta politica, ora la fa diventare terrorismo. Essere etichettati come terroristi non è mai stato così facile.
Il “carcere duro” di Ferrara, che detiene in As2 i compagni anarchici, rappresenta uno degli emblemi di questa logica repressiva e punitiva. Riteniamo necessario rimarcare e denunciare in questo luogo, e simbolicamente in tutti le altre carceri, l’opprimente macchina normalizzante dello Stato. Riteniamo altrettanto necessario esprimere la nostra più sentita solidarietà ai compagni Michele, Adriano, Graziano, Lucio e Francesco, Nicola e Alfredo. Peraltro proprio in questi giorni hanno lottato e vinto contro delle nuove restrizioni relative all’ora d’aria e alla socialità decise dalle guardie ferraresi.
La nostra solidarietà va anche verso le compagne e i compagni perquisiti a Bologna in merito ai sabotaggi di dicembre all’Alta Velocità. Lottiamo anche contro ogni forma di delazione e infamia, inesorabili complici della repressione del potere.

25 gennaio, ore 15:30 presidio sotto il carcere di Ferrara (via Arginone)

da crocenera.org 1804253-carcere

FERRARA :dalla sezione di alta sorveglianza As2 di Ferrara apprendiamo che , non appena trasferiti Graziano e Francesco(passati in regime di alta sorveglianza in seguito alla riqualificazione del reato da parte della procura torinese ,con finalità di terrorismo, riguardo all’attacco al cantiere Tav a Chiomonte )sono stati posti in isolamento e con divieto di incontro sia tra di loro che con gli altri compagni già rinchiusi in sezione con condanne definitive(Michele per l’op. Brushwood, Adriano per una serie di sabotaggi nella zona dei Castelli Romani, Nicola ed Alfredo per l’ azione contro Adinolfi)provocando la reazione dei compagni lì rinchiusi contro quest’ulteriore restrizione: le guardie ferraresi avrebbero voluto separare Alfredo e Nicola, da Adriano e Michele-che fino ad allora non avevano restrizioni sia tra di loro che dai nuovi arrivati.
Da quel momento, considerando che qualsiasi ulteriore restrizione nel già ridotto ambiente del’ AS2 di Ferrara comporta limitazioni nell’ora d’aria e nella socialità, i compagni hanno(ri)ottenuto l’aria in comune per i 4 già ristretti oltre che quella, in comune , per i due nuovi arrivati.
Normalmente, di questi tempi, qualsiasi conflittualità nell’ambito carcerario dell’alta sorveglianza si risolve in rapporti che intaccano i giorni , ovvero gli sconti automatici di pena, già è successo in AS2 sia a Ferrara ad Alessandria, e fa parte delle strategie di controllo attuali in merito, a cui i compagni continuano a non piegarsi. Seguiranno aggiornamenti.