Entries tagged with “devastazioni”.


Fonte: hambachforest.blogsport.de

hambach1Il 22 Gennaio nella prima mattinata, RWE è riuscita ad accedere all’area della foresta occupata da noi, con la protezione del proprio servizio di sicurezza. Hanno iniziato i lavori di scavo nell’area di un ponte vicino a Morschenich.

(altro…)

da informa-azione.info 28febbraio-WEB_800x566

Nell’aprile 2010 tre compagni /e vengono arrestati /e, ed in seguito condannati /e a lunghe pene detentive ed a numerose restrizioni in relazione al tentato attacco esplosivo al centro di ricerche nanotecnologiche della IBM nei pressi di Zurigo, in Svizzera. In un quanto arzigogolato tentativo di rendere lo stesso reato punibile per due volte in due diversi territori la procura di Torino sta provando a riportare a processo Billy, Costa e Silvia – estendendo le accuse mosse contro di loro in Svizzera ed applicando ad esse l’aggravante di terrorismo.

Il fatto che l’Istituto Politecnico di Zurigo si sia posto come parte civile offesa non lascia dubbi sulle origini di questa nuova operazione repressiva: la macchina dello Stato in collaborazione con le istituzioni che ne rendono possibile il funzionamento, trascendendo confini geografici e singole legislazioni, tenta di annichilire coloro che decidono di opporsi allo sfacelo imperante. Si intende creare un sistema di cose nel quale a coloro che alzano la testa e decidono di rendere esplicito il conflitto nei confronti di una progressiva alienazione e distruzione del vivente da parte della società industriale venga reso sempre più difficile continuare a portare avanti le proprie lotte.

Ad ogni tentativo da parte delle istituzioni dello sfruttamento di colpirci, rilanciamo la prospettiva di una solidarietà complice ed attiva.

Nessun compromesso in difesa della terra, Solidarietà a Billy, Costa e Silvia!

– H 20:30 : Presentazione + Dibattito su nano/ bio tech ed aggiornamenti sui procedimenti repressivi contro i/le 3 compagn*

– H 22:00 (puntuali!) – Concerto con :

– ESLEGE ( Anarcopunx // Genova)

– WARPATH ( Heavy d-beat / crust hardcore // Milano)

– LAMANTIDE ( Dark chaotic hc // Cremona)

– TO ASHES ( Veganstraightedge Hc // Bologna)

– LOSERS PARADE ( Hc Punk Outfit // Genova / Chiavari)

* Per tutta la serata: spuntini vegan / distribuzione di materiale ecologista, libertario, antispecista. Mostra su “devastazione e saccheggio”. Raccolta di testi dalle carceri italiane.

** Porta la distro, lascia a casa il cane!

BIT2Sabato 14 febbraio 2015

PRESIDIO CONTRO LA BORSA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

Dal 12 al 14 febbraio, alla Fiera di Rho, si svolgerà l’annuale Borsa Internazionale delTurismo (BIT),
dove esporranno tour operator, compagnie aeree ed enti del turismo di paesi da tutto il mondo.
In questa fiera saranno presenti multinazionali del turismo responsabili dello stravolgimento
dell’esistenza di intere popolazioni e di interi ecosistemi,
compagnie aeree come Air France/KLM che trasportano animali verso i laboratori di vivisezione e
deportano migranti senza documenti, oltre a stand di stati neocolonialisti e razzisti come quello israeliano.
Eventi come questo o come Expo 2015 racchiudono e mettono in mostra la mentalità
antropocentrica e colonialista di chi trae profitto dalla devastazione della terra e
dallo sfruttamento degli animali umani e non umani.

Contro la devastazione e il consumismo di massa causati dall’industria del turismo!

Contro ogni forma di dominio!

Dalle 13.00 presidio davanti ai cancelli della fiera di Rho – Milano
(si arriva con la metro fermata “Rho Fiera” oppure con il treno delle Ferrovie Nord)

La Lepre, per la liberazione animale, umana e della terra – lalepre.noblogs.org

Un docufilm -in due parti-  sullo scempio apuano, ma anche sulle bellezze di queste fantastiche montagne…

da finimondo.org Schermata-2013-06-09-alle-12.15.07

No, anche se non sarà Auschwitz a distruggere il mondo bensì Hiroshima, da un punto di vista morale Auschwitz è stato incomparabilmente più orribile di Hiroshima. Lo sottolineo perché, sfogliando i miei appunti, sono sfiorato dal sospetto di essermi accostato ad Auschwitz con il pregiudizio che quella che consideriamo una forma di genocidio valga anche nell’altro caso. Non è vero. Al confronto dei responsabili di Auschwitz – e furono molte migliaia – i piloti che volarono sul Giappone furono degli angeli. Se sia stato un «passo in avanti» è un’altra faccenda. (altro…)

vol scinti oste nanotec del 27-2-15La Scintilla di Modena ci informa che l’iniziativa di seguito a causa di motivi tecnici è stata rimandata a venerdì 27 febbraio, ripubblichiamo la locandina aggiornata.

Nano Tech         Homo Macchina            Mega Controllo

 

Venerdì 27 febbraio 2015

La Scintilla, strada Attiraglio 66

zona Mulini Nuovi

uscita 8 tang

ore 20,00: osteria vegan

ore 21,30: proiezione del documentario “Un mondo senza umani?” (Francia 2012) tradotto in italiano e dibattito insieme al collettivo di http://www.resistenzealnanomondo.org/

La Green Economy di Renzi e dei vari movimenti riformatori vuole dire ingegneria genetica, nano e biotecnologie. Ecco la loro soluzione ai problemi del mondo! Oltre questa bassa propaganda c’è una realtà di aspiranti divinità in doppio petto e di dispositivi elettronici e chimici, piccoli come atomi, che offrono agli specialisti della scienza (IBM, Monsanto..) il controllo totale sul vivente. Il progetto dei governi per le società del futuro si concretizza quindi in un sistema di bio-potere, rottamatore di un dominio burocratico ed evidente, che in silenzio tira i fili della vita stessa attraverso il dinamismo della scienza. Tecnologia, potere ed economia si manifestano ancora come tre parti inscindibili dello stesso sistema che impone i suoi valori di alienazione, dipendenza e specializzazione. Questo impero tecnologico sta costruendo uomini macchina “superiori” , cosa accadrà all’indipendenza dell’umano “naturale”?

http://lascintilla.noblogs.org/

https://it-it.facebook.com/scintilla.modena

Domenica 11 gennaio all’interno della trasmissione “La terra trama..” su Radio Blackout abbiamo parlato con dei compagni de La Scintilla di Modena prendendo spunto da un’iniziativa che si era svolta lì il 5 dicembre che aveva come argomento il controllo della salute da parte delle industrie farmaceutiche e di quali pratiche possono essere molto più efficaci dei farmaci.

E’ stata l’occasione per allargare un po’ la discussione alle varie nocività che contribuiscono all’esproprio della salute da parte delle scienze, della ricerca, delle aziende produttrici di farmaci e presidi sanitari e per presentare anche i nuovi appuntamenti dello spazio, che saranno a proposito di scuola libertaria, nano-biotecnologie e antipsichiatria. Il programma di gennaio era stato già pubblicato qui

Ascolta i contributi

 

 

 

da http://www.resistenzealnanomondo.org

Traduzione dal francese
radicalgraphics---389__354x400Qui Pièces et Main d’oeuvre Ecco un appello degli scimpanzé del futuro

Fratelli umani, sorelle umane, Avrete già sentito parlare del transumanesimo e dei transumanisti; di una misteriosa minaccia, un gruppo di fanatici, una società di scienziati e di industriali, discreta e potente, la cui trama occulta e l’obiettivo dichiarato consiste nel liquidare la specie umana per sostituirla con una specie superiore, “aumentata”, di uomini-macchine. Una specie che sarà il risultato dell’eugenismo e della convergenza di nanotecnologie, biotecnologie, neuro-tecnologie e degli immensi progressi della scienza.
Avrete già sentito parlare dell’ultimatum, cinico e provocante, di questo ricercatore in cibernetica: «Ci saranno delle persone impiantate, ibridate, e queste domineranno il mondo. Le altre che non saranno come loro, non saranno tanto più utili delle nostre vacche che vengono tenute al pascolo»; o ancora: «Le persone che decideranno di restare umane e rifiuteranno di migliorarsi avranno dei seri handicap. Costituiranno una sotto-specie e saranno gli scimpanzé del futuro». E vi sarete già chiesti se bisogna prendere sul serio queste sbruffonate oppure se si tratta solamente di fantascienza, di un modo ampolloso di esprimere l’orgoglio tecnocratico. Purtroppo il pericolo è reale e l’Umanità si trova ad affrontare un tentativo di estinzione, fomentato da una fazione egoista, implacabile e onnipotente, stanca di condividere ciò che resta di questo mondo con delle masse di bocche inutili e sempre più numerose.
Come siamo arrivati a questo punto, e cosa dobbiamo fare ?

All’inizio c’erano i poeti. Rimbaud: «Ho creato tutte le feste, tutti i trionfi, tutti i drammi. Ho cercato di inventare nuovi fiori, nuovi astri, nuove carni, nuove lingue. Ho creduto di acquisire poteri sovrannaturali. Ebbene! devo seppellire la mia immaginazione e i miei ricordi! Bella gloria di artista e di narratore andata in malora!» Ducasse: «È un uomo, una pietra oppure un albero quello con cui inizia il quarto canto». Poi gli artisti futuristi, francesi, italiani, sovietici: Marinetti, Majakovskij, Apollinaire e molti altri, cantori della violenza e della velocità; trombettieri e superstiti della Grande Guerra industriale e mondiale, esaltavano la tecnologia come vero mezzo per “cambiare vita” e “trasformare il mondo”. Dichiararono guerra alle anticaglie poetiche, al sole e alla luna; glorificarono gli aeromobili, le dighe, i motori, l’elettricità, il Titanic, le Metropolis, le armi blindate, gli stadi giganteschi. E i robot, le masse meccanizzate. Contribuirono alla diffusione dei due grandi movimenti dell’epoca: la tecnologia e il totalitarismo. Due movimenti convergenti. Due aspetti di uno stesso movimento di ingegneri degli uomini e delle anime, che mirano a fabbricare l’uomo nuovo, dall’Übermensch nazista all’uomo d’acciaio comunista passando per ogni sorta di superuomini e di Supermen, per approdare al cyborg; all’uomo bionico dei laboratori transumanisti, “ibridato” con impianti e interfacce. Negli anni trenta il nazional-rivoluzionario Ernst Jünger criticò il razzismo biologico e volgare dei nazional-socialisti, contrapponendogli l’avvento di un nuovo tipo di umanità: Il Lavoratore, in ceco il robot.

(altro…)

19/11/2014 – 09:00cropped-img-20141024-wa00012
19/11/2014 – 12:00

IMMOBILIZZIAMOLI – Presidio davanti ai cancelli del porto militare di SANT’ANTIOCO mercoledì 19 NOVEMBRE

Se ti dicessero che…  Se un giorno scoppiasse un allarme nel tuo paese, un allarme che si spande di bocca in bocca e che ti avvisa che un gruppo di persone, uomini e donne, armate fino ai denti si aggira nei dintorni,cosa faresti? Se ti dicessero che navi dotate di cannoni,deliberatamente, bombardano spiagge, scatenano incendi e sparano missili, quale sarebbe la tua reazione?
Sicuramente un brivido ti correrebbe lungo la schiena e penseresti a cosa sta succedendo, penseresti a proteggere i tuoi cari magari auto-organizzando una difesa, o forse scapperesti.    Nella realtà dei fatti questa situazione accade regolarmente da molti anni in tutti i poligoni militari della Sardegna e viene condotta da persone legittimate soltanto da una divisa.
A Teulada si susseguono ogni anno per lunghi periodi imponenti esercitazioni militari, quest’anno:
dal 5 al 21 novembre l’addestramento della brigata meccanizzata “Aosta-Messina”
dal 22 al 30 novembre e dal 01 al 12 dicembre della Divisione Friuli e della brigata corazzata Ariete
dal 15 al 19 dicembre della Brigata Sassari, con uso di munizionamento sia leggero che di grosso calibro (fino a 120 mm).
L’uso di proiettili di grosso calibro è previsto anche per l’attività di tiro navale contro costa, dal 20 al 30 ottobre e dal 01 al 04 novembre, periodo in cui è programmato anche addestramento all’uso dei missili Tow con testata da guerra, scuola di tiro di artiglieria e mortai con calibri fino ai 155 mm e attività da aeromobile.
Dal 6 al 17 ottobre, dal 13 al 24 ottobre e dal 01 al 12 dicembre saranno direttamente gli aerei del 6°, 32° e 51° stormo ad addestrarsi al bombardamento aereo.

Queste prove di fuoco distruggono la nostra terra e fungono da allenamento per i massacri che gli eserciti italiani e stranieri attuano sistematicamente nelle aree di conflitto sparse per il mondo.
I mezzi militari che servono a queste esercitazioni sbarcano proprio nel porto di Sant’antioco.

Le esperienze passate, da Pratobello ai Noradar, dalla resistenza Notav alla lotta NoMuos, ci insegnano che una resistenza e’ possibile.


– IMMOBILIZZIAMOLI – Giornata di azione contro le esercitazioni militari  Mercoledì 19 Novembre 2014
CONCENTRAMENTO A PARTIRE DALLE ORE 9:00 , PIAZZALE ANTISTANTE I CANCELLI DEL PORTO INDUSTRIALE DI SANT’ANTIOCO

da http://nobordersard.wordpress.com

da http://hambachforest.blogsport.de
13 novembre 2014

Il nostro compagno Basti è detenuto dal 30 Ottobre!  images
E’ stato arrestato durante lo sgombero di una parte dele occupazioni nella foresta Hambach in Germania dopo che la sicurezza di RWE lo ha picchiato. Ora lui è accusato di aggressione pericolosa. Non c’è ancora una data per il processo.
La resistenza nel bosco Hambach è diretta contro l’estrazione della lignite e contro la distruzione della natura e del clima in generale così come combatte il sistema capitalistico e la sua logica nel suo complesso.
Potete trovare maggiori informazioni su: http://hambachforest.blogsport.de
http://hambachforest.blogsport.de/2014/11/03/results-from-thursday/

È possibile scrivere a Basti. L’indirizzo è:

Sebastian Pietruschka
Krefelder Straße 251
52070 Aachen
Germania

La nostra solidarietà contro la loro repressione!
Libertà per Basti!