Entries tagged with “cordame naturale”.


L’Ortica (Urtica dioica) è una pianta con la quale tutti abbiamo almeno una volta avuto a che fare, cresce quasi ovunque fino ai 1800 mt e non penso di dovermi dilungare troppo nella sua descrizione; ha foglie lanceolate, seghettate di un bel verde scuro mentre il retro è più chiaro e peloso…ed eccoci ai famigerati peletti che se “infastiditi” rilasciano una sostanza fortemente urticante, per questo è buon uso utilizzare i guanti quando si ha a che fare con questa pianta, anche se esiste una tecnica efficace per raccogliere ortica a mani nude ovvero quella di prendere il fusto della pianta in basso e scorrere con le dita verso ‘alto nel senso di crescita dei peletti, così facendo non ci urticheranno, il problema vero è che se non ci pungerà la pianta che stiamo raccogliendo con tutta probabilità lo faranno le altre tutte attorno ma insomma, la tecnica c’è e giova segnalarla, in caso di puntura potremo lenire il bruciore utilizzando ad esempio le foglie di piantaggine da strofinare sulla parte interessata come spiegato QUI (altro…)

IMG_2371Più cose impariamo a fare con le nostre mani, più acquisiremo la capacità di saper autogestire il nostro quotidiano, sia nel bosco che in ogni altro ambito. Da tempo mi diletto nella realizzazione di cordini di varie dimensioni partendo da fibre naturali ricavate ad esempio dal fusto o dalla radice dell’ortica, poi qualche mese fa ho avuto la possibilità di mettere le mani su tre rametti di canapa e l’idea è stata subito quella di realizzarne spago…poi è passato l’inverno e il progetto si è congelato, fino a qualche giorno fa, quando ho deciso di provare a lavorare la canapa con un metodo semi tradizionale (ho tralasciato infatti la maceratura). Il risultato è stato decisamente soddisfacente, tanto che ho poi provveduto a realizzare un secondo spezzone ed a documentare le fasi realizzative con foto -pessime come mio costume- ed un video, che se si può è anche peggiore…ma l’importante è capire come procedere, le arti dell’immagine le lascio ad altri più ferrati.

Andiamo a vedere come procedere:

(altro…)