IMG_4600Mia prima volta in Valle Orco, uno dei luoghi storici del “nuovo mattino” dell’alpinismo italiano e dell’arrampicata trad del bel paese.

In una giornata velata di Luglio abbiamo deciso di salire una via storica aperta dal “principe” Motti, Kosterlitz, Manera, Bianco e Morello alla torre d’Aimonin nel lontano 1973, mi riferisco al “pesce d’aprile”, via famosa per la bellezza dell’itinerario ma forse ancor più per l’aneddoto che portò alla scelta del nome. Vale la pena parlarne…

In quel giorno del ’73 due cordate si apprestano ad aprire un nuovo itinerario sulla torre d’Aimonin, una è formata da Gian Piero Motti e dal forte inglese Kosterlitz, l’altra da Manera, Bianco e Morello.

Motti/Kosterlitz sono i primi ad attaccare la via, seguono Manera e compagnia.

Il tiro chiave è il quarto, un bel diedro molto estetico e credo che proprio qui lo “scherzetto” sia stato messo in atto. I battistrada partono e salgono, salgono, salgono, ma da sotto non si sente il classico rumore del martello che batte sui chiodi, che non si stiano proteggendo? Ugo Manera è perplesso e forse chissà, anche spaventato, ma -pensa- giunto il suo momento non potrà certo essere da meno dei due pazzi li sopra, altrimenti chi li avrebbe sentiti poi? Manera parte, si ingaggia e sale il tiro sprotetto, giunto in sosta si consuma il “gioco”: appena Ugo è a tiro Motti gli sventola sotto il naso un mazzo di nuts, forse i primi giunti ed utilizzati in Italia. Posso solo immaginare cosa sia passato in quel momento nella testa di Ugo Manera, messo così davanti a questo invero un po rischioso “pesce d’aprile”.

Aneddoti a parte la via è davvero bella, il diedro molto estetico, ma forse il tiro che mi è piaciuto di più è la bella e netta fessura del sesto tiro da salire d’incastro con mani e piedi.

Come d’uopo in questo tipo di arrampicata in via si trova solo uno spit (soste escluse) che credo faccia parte di una via tracciata successivamente e che incrocia il pesce, la via è quindi da proteggere a friends e nuts. Vecchi chiodi a parte in via si trovano anche due friends incastrati, uno lungo la lama del terzo tiro ed uno lungo il diedro del quarto.

– Il primo tiro risale alcuni gradoni fino ad un diedrino, sono 25 metri giusto per scaldarsi, parte il socio, io mi occupo di recuperare le protezioni. IV+

– Il secondo tiro è in pratica un traverso su una cornice che porta sotto un caminetto da risalire fino alla sosta. E’ il mio turno e decido di proteggere appena ne sentissi necessità, arrivo però quasi sotto il camino e non ho ancora messo nulla, decido quindi di mettere un friend e risalgo fino alla sosta…prendendomi la bonaria ma giusta reprimenda del socio che mi fa notare come in caso di caduta, se la sosta fosse stata a chiodi, avrei -con un volo tanto lungo- richiato di tirar via lui e gli ancoraggi. Vero, mi son lasciato trasportare dalla linea e non ho pensato troppo alla sicurezza, oltretutto abbiamo scelto una via facile proprio per farmi migliorare la confidenza con le protezioni veloci, ma certo che se non ne metto…sarò più ligio quando toccherà ancora a me salire da primo. 25 Mt – IV

– Il terzo tiro è molto estetico, una lama ad orecchio da risalire in Dulfer davvero molto piacevole, qui c’è un friend incastrato, usiamo comunque anche il mio nuovo friend da “poveri” da 0,25 che si comporta a dovere; passata in scioltezza la lama A. prosegue lungo una placchetta fino alla sosta sotto il diedro del quarto tiro. 30 Mt -V+

– Quarto tiro, il diedro, rieccomi. Attacco in scioltezza il tiro, giunto alla fessura del diedro decido di piazzare una protezione, prendo un nut con decisione, piccolo..ne prendo un altro, grande..non ho ancora l’occhio giusto..provo allora un eccentrico che..non va, ne trovo poi uno che pare giusto, forse un pelino “ballerino” ma in caso di caduta “terrà di sicuro” -penso- e poi mica posso svernare sotto quel benedetto diedro! Parto. “appena sei comodo metti qualcosa” mi dice tranquillamente A. “è uscito l’eccentrico?” chiedo “già” risponde A. “pazienza” penso, alla fine il tiro pare non destare troppi problemi. Trovo un friend incastrato e lo uso, procedo e qualche metro più su mi proteggo con un nut, questa volta della misura giusta, poi un friend..in seconda battuta ovviamente, visto che in primis ne avevo scelto uno troppo grosso. Il diedro finisce e vedo la sosta alla mia sinistra, intravedo qualche bella tacca trasversale e mi concedo qualche metro in placca fino al terrazzino dove allestisco la sosta sui due spit che paiono nuovi nuovi. Proprio un tiro divertente! 30 Mt – VI

– Il quinto tiro attacca su una fessurina che porta fino ad uno strapiombino ben ammanigliato, una volta superato un muretto ci guida in sosta. V

– Il sesto tiro mi vede di nuovo come battistrada, comincio risalendo una larga fessura che poco dopo diventa più stretta e nella quale si può giocare ad incastrare mani e piedi, proprio divertente. L’ultimo tratto del tiro e quindi della via si svolge poi in un diedrino di “misto” roccia ed erba/foglie/terra. Ho protetto l’ultima volta a metà fessurina, ora sono molto su e le difficoltà sarebbero finite se non che le scarpette decidono di pattinare allegramente su un terreno che non gli è proprio con il risultato di tirarmi quasi di sotto. Giungo in sosta e una volta attrezzato il tutto recupero A. Ora ci attendono solo le doppie di calata e magari una birra. 35 Mt – V

In sostanza proprio una bella via, più che consigliata a chi volesse prendere confidenza con le protezioni veloci su delle linee comunque mai scontate e davvero estetiche e a chi volesse ripercorrere una delle storiche vie del nuovo mattino su un bel granito.

Materiali:

– Friends medi e piccoli, da 0,25 a 3

– Una serie di nuts

– fettucce e moschettoni per attrezzare le soste

I numeri:

Quota partenza 1062 Mt. circa Quota di arrivo 1374 Mt. circa
Dislivello totale +192 Mt. per l’attacco
+120 Mt. circa la via (165 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 20′ per l’attacco
1,30 h. la via
Ore di discesa 1 h.
Esposizione Sud