Archive for Novembre 17th, 2014

IMG_2075Il nodo paletto, detto anche del muratore o d’anguilla, come tradisce già il nome, viene utilizzato per assicurare una corda ad un paletto, un tronco o un ramo non spigoloso, per legare fascine o pesi da trainare. (altro…)

da http://anarchicipistoiesi.noblogs.org

Siamo giunti quindi alla richiesta di condanne per i quattro compagni arrestati il 9 dicembre 2013 per aver preso parte ad un attacco al cantiere del tunnel esplorativo per la TAV in Val Clarea. L’accusa ha chiesto 9 anni e 6 mesi per tutti e quattro. Non ci importa spendere tempo e parole in sottili analisi sul come e perché si sia giunti ad una richiesta tanto esosa, sappiamo bene cosa comporti ergersi a nemici dello stato e dell’autorità senza se e senza ma. Nessun pianto e nessun rimorso, solo rispetto incondizionato a Chiara, Niccolò, Mattia e Claudio, con l’auspicio che la solidarietà rivoluzionaria accenda fuochi ovunque, a ricordare che la ribellione non si piega e che i compagni caduti nelle maglie della repressione non saranno mai soli. Viva l’Anarchia!

Anarchici Pistoiesi

da http://piemonte.puscii.nl

Start event: 20/11/14 – 18:30
End event: 20/11/14 – 23:59

Giovedì 20 novembre dalle h 18,30
al presidio no TAV di Venaus
presentazione del libro
Kronstadt nella rivoluzione russakronstadtvenaus_1024x724
T. Parczewski- ed. Colibrì- 2013
interverrà Giuseppe Aiello, curatore dell’edizione

Attraverso la testimonianza fino ad ora inedita del polacco Parczewski sugli avvenimenti di Kronstadt tra il 1917 ed il 1921,
la storia dei leggendari marinai rivoluzionari.

A seguire la consueta pizzata del giovedì sera.

Sarà presente anche un banchino con un nuovo opuscolo, “In difesa della terra selvaggia”, e autoproduzioni varie benefit Gianluca e Adriano.

Due anni fa ci lasciava Patrick Edlinger, un grandissimo climber e alpinista, che ha contribuito alla nascita ed allo sviluppo di un nuovo modo di affrontare pareti e montagne. Lo ricordiamo con questo bel video girato molti anni fa in Verdon.

Poche parole per commentare quello che è accaduto ieri, per l’ennesima volta, in Valle di Susa

Ieri, domenica 16 novembre, in Valle di Susa s’è svolta l’ennesima passerella per Erri De Luca, sionista, sostenitore dello stato d’Israele oppressore dei/delle palestinesi, che però, tenendo un atteggiamento definibile come minimo ambivalente, all’interno del movimento no TAV parla a favore degli oppressi da devastazioni ambientali ed imposizioni statali (vedi qui ad esempio, media mainstream), condividendo il palco in occasioni pubbliche con partigiani italici e parlando di quella no TAV come “un’antica lotta di popolo contro uno stupro di territorio”. Erri De Luca ha ricevuto non molto tempo fa un’incriminazione per reato d’opinione “per avere istigato al sabotaggio della Tav in Val di Susa”.

Dal momento che antisionismo è antifascismo (http://reteitalianaism.it/public_html/index.php/2013/01/27/giorno-della-memoria-un-contributo-su-antifascismo-ed-antisionismo/), riteniamo che nessuno spazio debba essere lasciato ai fascisti e ovviamente, da parte nostra, nessuna solidarietà ai sionisti.

Ci preme diffondere una volta di più uno tra i documenti che illustrano come sia stato creato ed imposto lo stato d’Israele a discapito di terre e dei/delle palestinesi che ivi vivevano o vivono ancora, il documentario “Al Nakba”; di seguito alcuni dei molti link che si possono trovare facilmente in rete a proposito delle posizioni sioniste di Erri De Luca o di riflessione sulla situazione della presenza sionista in Italia

http://bdsitalia.org/index.php/iniziative-bac/1009-erri-de-luca

 

http://libera-palestina.blogspot.it/2014/05/e-lantisionismo-che-fa-la-differenza.html

 

http://www.nannimagazine.it/articolo/984/ADSL-aumento-dei-prezzi-anche-nel-2011

 

boicottadelucahttps://www.facebook.com/photo.php?fbid=10200837441240895&set=a.1509935590906.2067551.1309838695&type=1&relevant_count=1

da http://antispefa.noblogs.orgpresentazioni_calendarioFF5

19/11/2014 – 09:00cropped-img-20141024-wa00012
19/11/2014 – 12:00

IMMOBILIZZIAMOLI – Presidio davanti ai cancelli del porto militare di SANT’ANTIOCO mercoledì 19 NOVEMBRE

Se ti dicessero che…  Se un giorno scoppiasse un allarme nel tuo paese, un allarme che si spande di bocca in bocca e che ti avvisa che un gruppo di persone, uomini e donne, armate fino ai denti si aggira nei dintorni,cosa faresti? Se ti dicessero che navi dotate di cannoni,deliberatamente, bombardano spiagge, scatenano incendi e sparano missili, quale sarebbe la tua reazione?
Sicuramente un brivido ti correrebbe lungo la schiena e penseresti a cosa sta succedendo, penseresti a proteggere i tuoi cari magari auto-organizzando una difesa, o forse scapperesti.    Nella realtà dei fatti questa situazione accade regolarmente da molti anni in tutti i poligoni militari della Sardegna e viene condotta da persone legittimate soltanto da una divisa.
A Teulada si susseguono ogni anno per lunghi periodi imponenti esercitazioni militari, quest’anno:
dal 5 al 21 novembre l’addestramento della brigata meccanizzata “Aosta-Messina”
dal 22 al 30 novembre e dal 01 al 12 dicembre della Divisione Friuli e della brigata corazzata Ariete
dal 15 al 19 dicembre della Brigata Sassari, con uso di munizionamento sia leggero che di grosso calibro (fino a 120 mm).
L’uso di proiettili di grosso calibro è previsto anche per l’attività di tiro navale contro costa, dal 20 al 30 ottobre e dal 01 al 04 novembre, periodo in cui è programmato anche addestramento all’uso dei missili Tow con testata da guerra, scuola di tiro di artiglieria e mortai con calibri fino ai 155 mm e attività da aeromobile.
Dal 6 al 17 ottobre, dal 13 al 24 ottobre e dal 01 al 12 dicembre saranno direttamente gli aerei del 6°, 32° e 51° stormo ad addestrarsi al bombardamento aereo.

Queste prove di fuoco distruggono la nostra terra e fungono da allenamento per i massacri che gli eserciti italiani e stranieri attuano sistematicamente nelle aree di conflitto sparse per il mondo.
I mezzi militari che servono a queste esercitazioni sbarcano proprio nel porto di Sant’antioco.

Le esperienze passate, da Pratobello ai Noradar, dalla resistenza Notav alla lotta NoMuos, ci insegnano che una resistenza e’ possibile.


– IMMOBILIZZIAMOLI – Giornata di azione contro le esercitazioni militari  Mercoledì 19 Novembre 2014
CONCENTRAMENTO A PARTIRE DALLE ORE 9:00 , PIAZZALE ANTISTANTE I CANCELLI DEL PORTO INDUSTRIALE DI SANT’ANTIOCO

da http://nobordersard.wordpress.com